Eleonora Quarta

Home / Eleonora Quarta

Scopre la propria dedizione per l’arte sin da giovanissima, cimentandosi dapprima nella recitazione per poi incontrare nel proprio percorso sia il canto che diverse discipline legate al movimento e alla danza.

Nella recitazione si forma con diversi insegnanti coinvolti nel panorama sia nazionale che internazionale, quali: Alessandra Frabetti, Cesar Brie, Matteo Belli, Danio Manfredini, Vladimir Olshansky, Massimo Sceusa, Matteo Alì, Elena De Tullio, Micaela Casalboni, Andrea Paolucci, Paolo Di Nita.

Nel canto studia in diversi contesti, sia individuali che di gruppo, con: Stella Georgiou, Silvia Testoni e Patrizia Erario.

Negli anni ha inoltre seguito seminari, laboratori e percorsi annuali di teatro fisico, di yoga, di rieducazione posturale metodo Core Integration e di diversi stili di danza, quali: danza del ventre, tribal fusion, afro-contemporaneo e tango argentino.

Dal 2005 sino ad oggi ha collaborato con diverse realtà presenti sul territorio Bolognese quali: la compagnia “Tweet Charity”, di cui è tutt’ora performer e l’associazione “Il gruppo teatrale del Fiordaliso”.

ESPERIENZE

Giugno 2016 attrice del corto “I sette vizi capitali” legato al concorso internazionale NYX Italia Face Awards Top 20 con Francesco Di Santo.

2016: Musical “Mister D” liberamente ispirato alla vita di Walt Disney, nel ruolo di Ketty, regia Stefano Bonsi.
2015:
Musical “On Air”, liberamente ispirato a Memphis, nel ruolo di Ms Simmons, regia Stefano Bonsi.

2012:
Black Comedy”, di Peter Shaffer, nel ruolo di Miss. Farnival, regia di Giuseppe Montemarano .
Il 6° giorno, testo e regia di Marco Falsetti, direzione musicale Silvia Testoni.

2011:
“L’amante” di Pinter, nel ruolo di Sarah, regia di Lorenzo Ansaloni.
Sarto per Signora” di G. Feydeau, nel ruolo di Rosa Pichennette, regia di Stefano Fiordaliso.
Like a party”, testo e regia di Marco Falsetti, direzione musicale Silvia Testoni.

2010:
Il fantasma di Canterville”, tratto dal racconto di Oscar Wilde, nel ruolo della madre “Lucrezia”, regia di Clarissa Ronchi.

2009:
Un gesto per l’altro” di J.Tardieu nel ruolo della “Signorina Caricamento”, regia di Stefano Fiordaliso.

2007/2008:
Maracuja” spettacolo tratto dal libro di Pennac “La passione secondo Therese”, nel ruolo del “Becchino”, della “Regina Zabò”. Regia di Stefano Fiordaliso e Clarissa Ronchi.

2005/2006:
Les Amants du Metrò” di J.Tardieu, nel ruolo della “cantante-narratrice” regia di Stefano Fiordaliso.

2004:
La bottega di capelli” lettura teatrale scritta e diretta da Giulia D’Amico, nel ruolo di “Elias”, nella giornata in memoria dell’Olocausto.